Wiktor Godlewski - naturalista e ingegnoso designer

Elaborazione: Dottore di ricerca Piotr Daszkiewicz, prof. PAN

location_on Mappa dettagliata

I primi anni di vita e le esperienze intorno a

Nato nel 1831 a Boguty Wielkie (Voivodato di Ostrołęka), figlio di Aleksander, un nobile parrocchiale, e di Karolina, nata Ciołkowska. Si è diplomato presso la scuola secondaria di Łomża e poi ha lavorato nell’amministrazione immobiliare. Già in questo primo periodo della sua vita, era appassionato di zoologia e collaborò con il Gabinetto Zoologico di Varsavia, fornendo osservazioni ornitologiche dalle vicinanze di Łomża e Ostrołęka. Durante l’Insurrezione di gennaio, ha ricoperto il ruolo di capo del distretto di Stanisławów. Organizzò riunioni clandestine e inviò posta insurrezionale. Arrestato nel 1863, fu condannato a 12 anni di reclusione nelle miniere della Siberia. Inizialmente fu inviato nel villaggio di Petrovsk, nel Krai Zabaikalsky, famoso per la sua dura prigionia. Ha poi soggiornato con Alphonse Parvex e Benedykt Dybowski a Domna, Siwakowa, Czyta, Darsun. Dal 1868 collaborò con Dybowski nello studio del Baikal e della fauna della Siberia orientale. Nel 1868-1872 soggiornò con lui a Kultuk, sul Lago Baikal. Nel 1871 fece una spedizione con Alexander Czekanowski sui Monti Przybajkała, mentre nel 1872-1875 accompagnò Benedykt Dybowski e Michał Jankowski in un viaggio in barca sull’Amur fino a Vladivostok. Nel 1877 tornò in campagna, dove si dedicò all’agricoltura. Divenne affittuario e poi (dal 1889) proprietario della tenuta Smolechy, vicino a Ostrów. Lì ha acclimatato e coltivato alberi e arbusti siberiani, tra cui larici, pini, abeti siberiani e betulle. Per periodi più lunghi, tuttavia, rimase a Varsavia o a casa di sua sorella a Chęciny, e morì a Smolechy di febbre tifoidea il 17 novembre 1900.

Nei ricordi dei suoi compagni di esilio, Godlewski appare non solo come un eccellente cacciatore e osservatore della natura, ma anche come un brillante designer, autodidatta. Anni dopo, Benedykt Dybowski ha ricordato: un cercatore d’oro ma anche una mente creatrice d’oro, si può tranquillamente dire di lui che era un genio nel campo della tecnologia, dell’architettura, della scultura, ecc. A Darsun ha costruito case, fornelli, caminetti, ha cucito biancheria intima, vestiti, scarpe, conosceva il giardinaggio, l’agricoltura, in generale tutto, eppure era autodidatta ovunque. Insegnò ai suoi compagni di prigione vari mestieri; Roguski e Wiśniewski devono a lui il fatto di aver imparato a costruire fornelli di vario tipo; dopo il ritorno a Irkutsk, divennero “panettieri” professionisti, costruttori di fornelli in città e guadagnarono grandi somme di denaro. Altri hanno imparato le coperture: bordi, scandole, tavole e lamiera. Aveva bisogno di un lattoniere, di un falegname, di un fabbro, ecc. (citato nelle Memorie del dottor Benedykt Dybowski dal 1862 al 1878, Lwów 1930, pag. 231).

Collegamenti con la scienza e le invenzioni

Wiktor Godlevski realizzò una serie di strumenti di sua invenzione per la ricerca scientifica pionieristica, tra cui la misurazione della profondità delle acque del Lago Baikal. Una delle sue invenzioni fu l’”ilochwyt” (mascelle di ferro di grandi dimensioni, chiuse da un peso fatto scendere da una corda) per prelevare campioni di acque profonde. Tra i suoi brevetti, Dybowski cita anche un dispositivo per strappare il filo di corda utilizzando i denti di un pezzo di una vecchia sega, incastrato saldamente in un blocco di legno, oltre a numerosi tipi di trappole e lacci utilizzati per catturare gli animali, che venivano poi inviati a Varsavia. Ha persino costruito altalene e giostre per i bambini degli insediamenti siberiani.

Godlewski era un tipico naturalista ‘sul campo’. Ha pubblicato relativamente poco. È stato coautore di dieci opere sulla natura del Baikal. Il suo enorme contributo alla conoscenza della natura della Siberia non può, ovviamente, essere giudicato dalla sua polpa. Godlewski contribuì in modo significativo alla collezione del Gabinetto Zoologico di Varsavia, cacciando, preparando e inviando a Varsavia diverse migliaia di pelli di uccelli e piccoli mammiferi, oltre a decine di migliaia di insetti e altri invertebrati. Ha assistito Benedykt Dybowski nella preparazione di esemplari di pesci e gudoni. È stato anche coautore di un rapporto in cui è stato descritto per la prima volta un nuovo genere e specie di salamandra siberiana, Salamandrella keyserlingii. È stato coinvolto nella scoperta del ciclo riproduttivo del pesce di acque profonde del Baikal – il pesce golomiano Comephorus baicalensis, che sta diminuendo in modo massiccio. Attraverso Władysław Taczanowski, gli esemplari zoologici raccolti sono stati inviati a molte collezioni europee. Godlewski e Dybowski hanno anche inviato degli esemplari ai musei russi, tra cui San Pietroburgo e Irkutsk. Dybowski ha ricordato, ad esempio, che i teschi raccolti da Godlewski sul campo di battaglia dei cosacchi con i Chunchuz, durante il viaggio nell’Amur, sono stati donati a un museo di Irkutsk.

Godlewski ha svolto un ruolo chiave nello studio della fauna ornitologica della Siberia orientale. Le descrizioni preparate da lui e da Dybowski sono diventate la base per la caratterizzazione di un certo numero di nuove specie, nonché per la compilazione e la pubblicazione di Faune Ornithologique de la Sibérie Orientale [Fauna ornitologica della Siberia orientale]. Questo lavoro, una pietra miliare per la zoologia dell’Asia, fu pubblicato a San Pietroburgo dopo la morte di Tkachanovsky. Fu pubblicato grazie agli sforzi di Alexander Strauch, un esule polacco simpatico e un eminente zoologo che dirigeva la collezione zoologica di San Pietroburgo. In questo lavoro, Taczanowski citò ripetutamente Godlewski. Tra gli uccelli che cacciava c’erano non solo specie finora sconosciute, ma anche molto spettacolari. Nei pressi di Darsun, ad esempio, ha catturato una specie di contagocce allora ancora inesplorata. Benedykt Dybowski, descrivendola nel 1868 nel prestigioso “Journal für Ornithologie”, dedicò questa specie a Taczanowski, chiamandola Dropie di Taczanowski – Otis taczanowskii. Godlewski fornì a Taczanowski anche informazioni di natura etnologica. Una di queste è che i cinesi apprezzano molto gli avvoltoi Gypaëtus barbatus e li acquistano al prezzo dell’oro.

Wiktor Godlewski ha svolto un ruolo importante anche nella malacologia, lo studio dei molluschi. Grazie al suo coinvolgimento, è stata studiata per la prima volta la fauna di acque profonde del Lago Baikal ed è stata scoperta una biodiversità finora sconosciuta di questo ambiente. Gli esemplari che ha inviato sono stati utilizzati da H. Cross e W. Fischer per compilare e pubblicare nel Journal de Conchyliologie la fauna mollusca del Baikal. Godlewski raccolse anche molluschi marini sull’Isola Askold e nel Mar del Giappone.

Per il suo contributo allo studio della natura della Siberia, Godlewski ha ricevuto, su richiesta della Società Geografica Russa, una medaglia d’oro. I naturalisti che lavoravano con lui gli hanno dedicato una serie di specie. Władysław Taczanowski ha descritto le specie di uccelli siberiani Agrodroma godlewskii, Anthus godlewskii, Emberizia godlewskii. Benedykt Dybowski ha dedicato al suo collega e amico le specie di uccelli Leukoria godlewskii, le specie di pesci Cottus godlewskii e Limnocottus godlewskii; la specie di gudone Gammarus godlewskii. Władysław Dybowski (fratello di Benedykt Dybowski) gli ha dedicato il nuovo genere di molluschi Godlewskia e le specie Baicalia godlewskii, Benedictia godlewskii, Leucosia godlewskii, Gerstfeldia godlewskii. Józef Nusbaum ha chiamato una nuova specie di polichete Dybowscella godlewskii in suo onore, Władysław Kulczyński ha chiamato il ragno Attus godlewskii. Anche le specie successive sono state dedicate a Godlewskii: il protozoo Rotundula godlewskii, un parassita dei molluschi descritto nel 1968 da J.J. Lippa, il bivalve del Baikal Candona godlewskii, descritto da G.F. Mazepova nel 1984 e il nematode Eutobrilus godlewskii descritto da T. Naumova nel 2021.

Dimenticato per molti anni

Sebbene il nome di Wiktor Godlewski sia rimasto nella nomenclatura zoologica, il suo personaggio è stato a lungo dimenticato. Purtroppo, non pubblicò le sue memorie, anche se ci lavorò dopo il suo ritorno dall’esilio. Non si conosce alcun manoscritto, nemmeno le menzionate reminiscenze incompiute. Dopo le note di necrologio pubblicate nel 1900 dai suoi compagni di esilio e di ricerca scientifica, Benedykt Dybowski e Feliks Zienkowicz, ci sono voluti settant’anni prima che apparisse un articolo biografico. È stato scritto da Mieczysław Bartniczak. Gli anni ’90 hanno cambiato radicalmente questa situazione. Gli illustri storici della scienza Gabriel Brzęk e Zbigniew Wójcik hanno dedicato una serie di articoli a Godlewski. Dal 1992, la medaglia Wiktor Godlewski viene assegnata per i risultati eccezionali nelle scienze naturali.  

 

Bibliografia:

Bartniczak M., Wiktor Ignacy Godlewski, „Wszechświat” 7-8, 1970, p. 200-204.

Brzęk G., Partecipazione dei polacchi allo studio della natura in Siberia, in particolare del Baikal, „Analecta” 8/1(15), 1999, p. 121-190.

Brzęk G., Wiktor Godlewski (1831-1900), „Studi di Łomża”  t. 8, 1997, p. 49-63.

Dybowski B., Godlewski Wiktor, „Kosmos” 25, 1900, p. 690-692.

Dybowski B., Sulla Siberia e la Kamchatka. Parte I.: Viaggio da Varsavia alla Kamchatka, Cracovia, Varsavia 1912, p. 307.

Dybowski B., Diario del dottor Benedykt Dybowski dal 1862 al 1878, Lviv 1930, p. 627.

Dybowski B., Ricordi di un mezzo secolo passato: spiegati con quaranta incisioni. Lviv 1913, p. 94.

Kowalska K., Mroczkowska A., Zielińska B., Władysław Taczanowski. Lettere ad Antoni, Waga Konstanty Branicki e Benedykt Dybowski, „Memorabilia Zoologica” 12, Breslavia-Varsavia-Cracovia 1964, p. 317.

Mielnikiewicz K., Wiktor Ignacy Godlewski – eccezionale cacciatore e naturalista, http://kulturalowiecka.pl/artykuly_prasowe/wiktor_godlewski.pdf [visitato il: 01.01.2022].

Świerżewski R., La difficile strada dell’esilio, Boguty-Pianki 2015, p. 86.

Wójcik Z., Wiktor Godlewski di Bogut: ricercatore naturalistico della Siberia orientale, „Annuario del Museo Ciechanowiec” t. 10, 2014, p. 29-44.

Wójcik Z., Wiktor Ignacy Godlewski – esule ed esploratore della natura siberiana, „Studi di Łomża” t. 14, 2003, p. 77-95.

Zienkowicz F., Wiktor Godlewski. Ricordo postumo, „Wszechświat” 48, 2 dicembre 1900, p. 753-755.

 

Mappa

Boguty Wielkie (dziś Boguty Pianki) – miejsce urodzenia


Boguty-Pianki, Polska

Nauka w gimnazjum, w okolicach prowadził obserwacje ornitologiczne


Łomża, Polska

Prowadzenie obserwacji ornitologicznych w okolicach


Ostrołęka, Polska

Podczas powstania styczniowego pełnił funkcję naczelnika powiatu stanisławowskiego


Stanisławów, Polska

Miejsce uwięzienia w początkach zesłania na Syberię


Pietrowsk, Obwód Saratowski, Rosja

Miejsce pobytu na zesłaniu


Domna, Kraj Zabajkalski, Rosja

Miejsce pobytu na zesłaniu


Czyta, Rosja

Miejsce pobytu na zesłaniu


Darasun, Kraj Zabajkalski, Rosja

Prowadzenie badań przyrody jeziora wraz z Dybowskim


Bajkał, Rosja

Badanie fauny wschodniej Syberii


Syberia, Rosja

Wyprawa rzeką z Dybowskim i Jankowskim do Władywostoku


Amur River

Miejsce zamieszkania po powrocie z Syberii, majątek, który dzierżawił, a od 1889 roku nabył na własność, miejsce śmierci


Smolechy, Polska

Współpracował z Warszawskim Gabinetem Zoologicznym, przekazywał okazy i pomagał w ich oznaczeniach


Warszawa, Polska

Miejsce pobytów u siostry


Chęciny, Polska

Miejsce zbierania morskich mięczaków do badań


Askold, Kraj Nadmorski, Rosja

Miejsce zbierania morskich mięczaków do badań


Morze Japońskie (znane również jako Morze Wschodnie)